Tag

, , , , , , , , , , , ,

Una delle qualità della mamma che ho imparato ad apprezzare con gli anni e con l’esperienza è stata quella di riuscire ad ottenere pasti prelibati anche utilizzando ingredienti non proprio eccelsi.L’altra è il fatto che lei ottimizzava sempre il suo tempo in cucina inventandosi spesso ricette che coprivano la prima e la seconda portata.Oggi le sono oltremodo grata per questo suo lavoro di ricerca…culinaria e temporale che incontra perfettamente le esigenze di un mondo sempre di corsa  ma il cui risultato dà anche a ciascuna di noi la maniera di godersi una giornata di festa.

Le ricette per l’Epifania rispecchiano quanto ho appena detto, in particolar modo nell’uso di un taglio di carne di seconda scelta – locena o braciola di costa (tra collo e spalla del manzo) – che risulta gustoso e soddisfacente sia per il palato che per il bistrattato portafogli di questi giorni trascorsi.

MANZO DELLA RITA     ( 4 persone )

1 kg di braciola di costa in un solo pezzo – aglio – rosmarino – 1/2 bicchiere olio d’oliva – 50 gr burr0 – 2 bicchieri di vino rosso – 6 o 7 pomodori spellati e senza semi – sale e pepe – 1 bicchiere abbondante di acqua

In una casseruola mettete la carne, salate e pepate e aggiungete tutti gli ingredienti, a freddo. Coprite la pentola mettendo tra essa e il coperchio una carta pesante da macellaio piegata in due o un foglio di alluminio. Fate cuocere a fiamma bassa per almeno 3 ore, avendo cura a metà cottura di controllare se è necessario aggiungere un po’ d’acqua. Alla fine dovrete avere una salsa nè liquida nè densa ma che riesca a legarsi alla pasta di vostra scelta (tagliatelle,penne,rigatoni…) che avrete cotto.

 Mi raccomando di far riposare la carne per almeno mezz’ora prima di affettarla e servirla come secondo piatto. Il contorno potrebbe essere una insalata di rucola o una insalata di spinaci crudi conditi con un buon aceto balsamico e con sale  e olio d’oliva.

DOLCE DELL’EPIFANIA

2 confezioni di pasta sfoglia già pronta ( troppo lungo farla da capo! e quelle in commercio sono accettabilissime) – 100 gr uva sultanina – 50 gr pinoli – 100 gr gherigli di noce – scorza grattugiata di 1 limone e di 1 arancia – 100 gr cioccolato a pezzettini o grattugiato – 2 fette di ananas (in scatola o fresco) – 30 gr cedro – 50 gr pane grattugiato – 75 gr burro – 1 uovo intero e un tuorlo – un bicchierino marsala o altro liquore dolce

Mettete  a macerare nel liquore l’uva sultanina per almeno mezz’ora. Tritate le noci, i pinoli,il cedro,l’ananas a pezzettini piccoli,il cioccolato,le scorze grattugiate e l’uvetta strizzata. Rosolate nel burro per qualche minuto il pane grattugiato e unite anche questo alla frutta.Mescolate bene unendo un tuorlo e una chiara d’uovo montata a neve ben soda. Impastate insieme le due confezioni di pasta sfoglia e stendete con il mattarello una sfoglia sottile che infarinate un po’. Mettete il ripieno preparato al centro della sfoglia e avvolgetela su se stessa ottenendo un grande rotolo. Imburrate la teglia da forno e ponetevi il rotolo arrotolandolo a spirale o a ” S “. Spennellate la superficie con il tuorlo d’uovo rimasto e infornate in forno già caldo a 190 gradi per 45 minuti. Servite freddo spolverizzato di zucchero a velo.

Annunci