Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , ,

E’ per eccellenza un biscotto che va bene in ogni occasione della giornata, colazione mattutina,the del pomeriggio o imbevuto nel vin santo come dessert dopo pranzo o cena. Il cantuccio  ha saputo ritagliarsi un angolino, un cantuccio vorrei dire, nei gusti di tutti gli italiani ed ha valicato i confini nazionali giungendo anche a deliziare i palati d’oltreoceano.

Di seguito trovate la ricetta originale della nonna Maria. Talvolta ho fatto delle modifiche – per esempio aggiungendo cacao amaro in polvere all’impasto per ottenere cantucci al cioccolato, oppure sostituendo le mandorle con nocciole tostate – che sono state sempre gradite.Mi succede di prepararne spesso… sono un regalo sempre apprezzato!

CANTUCCI

500 gr farina – 250 gr zucchero – 1 bustina lievito – 200 gr mandorle intere spellate – 4 uova

Fate la fontana di farina su un piano di lavoro e al centro mettete lo zucchero e il lievito e amalgamate con la farina poi aggiungete le uova e lavorate bene, infine unite le mandorle e fatele distribuire uniformemente nell’impasto che dovrà risultare sodo ed elastico. Fatene due bastoni di 4/5 cm di spessore che adagerete su una teglia ricoperta di carta forno.Infornate a 180 gradi per 30 minuti o finchè i bastoni siano dorati. A questo punto togliere dal forno, adagiare su un tagliere e tagliare i biscotti di circa 2 cm di spessore che metterete di nuovo sulla teglia e infornerete peraltri 15 minuti affinchè possano biscottarsi. Raffreddare prima di servire.

Si conservano per qualche settimana in un contenitore ben chiuso, ma a me non succede mai che vadano oltre i due o tre giorni dal momento in cui li preparo.

Annunci