Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Per tradizione,nella nostra famiglia non si usciva mai di domenica o di feste comandate, e ciò per evitare il traffico e le folle che confondevano la personalità calma e restia della mamma.Quando si decideva di andare da qualche parte,perciò,capitava sempre di settimana e devo dire che la scelta è sempre stata felice.Il gusto della gita cominciava già la sera prima quando la grande cesta di vimini veniva posata sul tavolo da cucina in attesa delle pietanze che avrebbe accolto. La mattina della gita, prestissimo, il duo “mamma e papà” dava il meglio di sè ai fornelli,preparando tutti quei piatti facilmente trasportabili ma che non ci avrebbero fatto mancare il “sapore” di casa (altro che frigo portatili e panini anonimi!!). Venivano così preparate le cotolette sorrentine (fettine panate ricoperte di salsa di pomodoro e mozzarella passate in forno qualche minuto e poi adagiate sulle rosette di pane appena arrivate dal fornaio),sapore che non ho mai più assaggiato da allora.La frutta veniva lavata e pulita e spezzettata per essere pronta da mangiare.Le bibite erano accomodate ai lati della cesta e, al centro, veniva lasciato lo spazio sufficiente a sistemare la regina delle scampagnate: quella frittata di spaghetti che è un’altra firma della cucina napoletana senza tempo.

FRITTATA DI SPAGHETTI     ( 4 persone)

350 gr spaghetti – 4 uova – 100 gr parmigiamo grattugiato – 250 gr mozzarella – basilico tritato – sale e pepe – olio per friggere

Cuocete gli spaghetti in abbondante acqua salata e poi scolateli al dente,passandoli sotto l’acqua fredda per fermarne la cottura.Teneteli in attesa finchè saranno tiepidi(o preparateli il giorno prima avendo cura di irrorarli con qualche cucchiaio di olio per evitare che ri rapprendano). In una terrina sbattete le uova con sale,pepe, parmigiano e basilico tritato, finchè saranno schiumose.Unite poi gli spaghetti e mescolate bene affinchè tutta la pasta sia bagnata di uova.Mettete un paio di cucchiai di olio in una padella dai bordi alti e quando l’olio sarà caldo versatevi metà degli spaghetti con le uova.Tagliate la mozzarella a fettine e adagiatele sugli spaghetti poi ricoprite con gli spaghetti alle uova rimanenti. Mantenete il fuoco a moderato alto e attendete finchè non si sia formata una crosticina dorata.A questo punto aiutatevi con un piatto e capovolgete la padella con la frittata in esso.Mettete un po’ d’olio ancora nella padella e fatevi scivolare la frittata nuovamente per rifinire la cottura dall’altro lato,come per una frittata di uova.

Come sempre,questa è la ricetta di base a cui si può aggiungere tutto ciò che ci suggerisce la fantasia: piselli al prosciutto, fettine di salame o prosciutto, funghi trifolati……….

Nelle case napoletane questa ricetta veniva usata per riutilizzare la pasta cotta o rimasta il giorno prima.

Annunci