Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

La prima volta che li ho mangiati è stato a Camigliatello Silano, in Calabria, per prima colazione in un piccolo albergo circondato dalla neve. Secondo voi, potevo mai lasciare la località senza aver prima imparato questo tipico dolce calabrese?…se avete imparato a conoscermi sapete che era impossibile…

Si chiamano “vecchiarelle” e sono una specie di biscotti, ma sarebbe meglio dire bastoncini morbidi fritti e poi tuffati nel miele. A dire il vero, ho imparato a servirli anche come dessert riscuotendo molti consensi tra coloro che li hanno assaggiati. Ve li propongo per questa domenica di Febbraio, prima di immergerci nel clima di San Valentino che ci impegnerà la settimana a venire.

VECCHIARELLE  o  VECCHIERELLE  ( per 6 )

100 gr mandorle tostate e tritate – 100 gr miele + il succo di un arancia e la scorza tritata fine – 220 gr zucchero a velo – 700 gr farina –  1 pizzico sale – mezzo cucchiaino chiodi garofano in polvere + mezzo cucchiaino cannella in polvere – mezzo cubetto lievito o una bustina – olio per friggere

Mettete la farina a fontana su un piano di lavoro e mescolatela con lo zucchero a velo, il sale e le spezie. Fate poi l’incavo al centro e aggiungete le mandorletritate e il lievito disciolto in 2 cucchiai di acqua tiepida. Cominciate a lavorare l’impasto aiutandovi con mezzo bicchiere di acqua tiepida ( o poco più) fino a raggiungere un composto liscio ed omogeneo. Coprite con un canovaccio pulito e mettete a crescere in un posto tiepido per almeno un’ora, dopo di che mettete in frigo. Su una superficie ben infarinata cominciate poi a lavorare piccoli pezzi di impasto da cui dovete ottenere dei bastoncini lunghi 3 o 4 cm e di spessore non più di 1 cm. Friggete in abbondante olio finchè sono dorati e fateli scolare su carta assorbente da cucina. In una pentolina sciogliete il miele insieme al succo di un’arancia e alla scorza tritata fine e quando sarà raffreddato ricopritene poi  le “vecchierelle”. Servite per prima colazione o per dessert.

%%%%%%%%%%% CALABRIA FRIED STICKS %%%%%%%%%%%%

The name of these fried cookies is “vecchiarelle” which means “old ladies” and I can reassure you that once you try them you’ll want more and more.They originated in Calabria (which is the foot part of the boot of Italy) and they are very easy to make and are perfect for breakfast or for dessert.

INGREDIENTS: 1/3 cup toasted and minced almonds – 1/3 cup  honey + juice and grated peel of 1 orange – 1 cup confectioners sugar – 3 cups+3 tbsp flour – 3 tsp active dry yeast – a pinch of salt – half tsp cinnamon + half tsp powdered cloves – vegetable oil for frying

Place the flour on a surface and mix with the sugar and the salt and the spices. Then make a well and add the almonds and the yeast melted in a couple of lukewarm water. Mix all the ingredients with 1/3 cup of lukewarm water ( or a little more) and knead into a smooth dough. Cover with a clean dishcloth and set aside in a warm place for 1 hour to rise. Then refrigerate. On a floured work surface knead the dough and cut it like French Fries no longer than 2 inches. Fry the dough sticks until golden and crispy and place them to drain on paper towel. In meanwhile melt the honey in a small pan adding juice and grated peel of 1 orange.When the syrup is cooled drizzle the fried sticks. Serve at breakfast or as dessert.

Annunci