Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Albicocche, mandorle e limone – con un tocco di formaggio cremoso – per una torta facilissima da preparare che richiama i sapori e i profumi del nostro Mediterraneo…

TORTA DI ALBICOCCHE E MANDORLE

300 gr farina – 150 gr zucchero – 2 cucchiaini lievito per dolci – 100 gr latte – 100 gr Filadelfia o simile – 5 cucchiai olio d’oliva ottimo – 1 uovo – 1 cucchiaio di scorza di limone finemente tritata – 12/14 albicocche – 100 gr mandorle pelate a filetti – 100 gr zucchero di canna grezzo – 50 gr burro

Ricoprite le pareti della teglia per la torta con il burro ammorbidito e poi fate aderire sul fondo e sulle pareti lo zucchero grezzo. Snocciolate e fate a metà le albicocche e ponetele con la parte piatta sul fondo della teglia. Sistemate intorno ai frutti le lamelle di mandorla. Preparate ora l’impasto della torta come segue: in una terrina mettete farina, zucchero e lievito e mescolate bene, unendo poi anche l’olio, l’uovo, la Filadelfia ammorbidita, il latte e alla fine la scorza di limone tritata fine. Versate l’impasto sopra le albicocche e infornate a 180 gradi per 30/35 minuti e fidandovi sempre della prova stecchino o spaghetto per la cottura. Raffreddate e servite con zucchero a velo o con gelato alla crema.

Nel caso vogliate realizzare dei muffins, evitate del tutto burro e zucchero grezzo e dopo aver messo l’impasto nelle formine,sormontatelo con mezza albicocca. Cottura a 180 gradi per 18/20 minuti. Le dosi scritte valgono per una ventina di muffin.

%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%

… e nulla parla di estate ( in autunno o a Natale!!!) come il ratafià – o liquore –  di albicocche. Ecco la ricetta:

1 kg albicocche-2 litri alcool – 250 gr zucchero – 3 baccelli vaniglia

Pulite bene le albicocche che devono essere tutte di ottima qualità e ben mature, togliete i noccioli e preservatene almeno una decina che spaccherete per prelevare le cosiddette “mandorle” interne che andranno pelate e schiacciate. Dentro un vaso mettete le albicocche a pezzi, le mandorle schiacciate, l’alcool, lo zucchero e i baccelli di vaniglia. Tappate ermeticamente e lasciate in infusione per almeno una ventina di giorni. Mescolate poi benissimo, filtrate e mettete in bottiglia etichettando. Lasciate riposare per almeno due mesi prima di assaggiare. Questo ratafià va servito freddo e in coppe da spumante.

Annunci