Tag

, , , ,

Che cosa sogneranno i gatti? Li guardo riempire il sedile di una poltrona o disegnare i contorni di uno spicchio di sole, distesi o arrotolati a far mostra dei loro incredibili colori. Che cosa ci sarà al di là del loro sonno? Restano delusi risvegliandosi in questo mondo qui? Lo sanno che è Natale?

Il mio e il  loro Natale si sta consumando nel più assoluto silenzio, ciascuno accoccolato nella sua pigrizia. Ogni tanto ci scambiamo uno sguardo e ci diciamo che restiamo ancora un poco….. i miei pensieri hanno viaggiato verso il tempo andato e verso geografie note: hanno ritrovato le grida da bambina, le carezze della mamma, i doni del papà, la gioia della festa, il bambinello nella stalla, il freddo gelido e la brace del camino…le speranze della donna, i batticuore, i baci e le mani dell’amore, il desiderio di rivedere quegli occhi…

C’era un uomo che mi scriveva parole dolcissime e le posava con attenzione su un filo di seta che andava da sponda a sponda su un mare troppo grande…sapeva  cercarmi e ritrovarmi… sapeva farmi esistere… Mi chiedo dove sia quell’uomo e dove siano finiti i suoi pensieri… mi chiedo perchè il mio Natale non abbia neppure una parola…

Torno qui dal mio peregrinare.Assaggio un dolcetto di crema e mi ci riconosco,dura all’esterno e morbida e dolce dentro…è Natale, è silenzio, è ancora amore dentro il cuore, devi ancora lavorare per guarire…

Accarezzo la gatta Zuzu che fa le fusa e si stiracchia chiedendo altre coccole, lancio uno sguardo al giardino addormentato… E’ Natale,ricordi? forse i gatti stanno sognando filetti di topo in bechamèl…

Annunci