Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Trascorso il Carnevale con i grassi e gli schiamazzi, e il mercoledì delle Ceneri con il digiuno ed il silenzio di inizio Quaresima, proviamo a cucinare un piatto della tradizione inglese che conforta cuore e gusto per la sua bontà derivante da ingredienti semplici ma che, combinati tra loro, sfatano il mito che altrove in Europa non siano così bravi in cucina come in Italia.

 Sembrerebbe non entrarci nulla con lo spirito del blog che recita ” ricordi e ricette “, e invece questa ricetta è anch’essa parte dei ricordi personali dei miei viaggi in Gran Bretagna (2008-2009) ( le foto sono di Oxford e Abingdon), e degli amici carissimi che vivono oltreManica, i quali hanno dato il meglio di loro stessi affinchè io assaggiassi, durante le mie visite, le ricette tipiche della loro cucina.

Ho così potuto assaporare delizie come lo Yorkshire Pudding ( per capirci: una specie di waffle vuoto, servito con roast-beef e vegetali e il sugo della carne), oppure il Cheese cake con la lemon custard . Non è mai mancata una visita alle varie Sale da The sparse per il Paese, – ma sul the inglese e la grande varietà di cibi serviti con esso mi propongo di fare un post a parte, – che mi ha regalato il piacere di conoscere i the migliori e di cambiare le mie abitudini, preferendo ormai il the al caffè.

Per oggi, comincio con la ricetta dello Sheperd Pie, che tradotto alla lettera significa il Pasticcio del Pastore visti gli ingredienti di carne e vegetali che sarebbero stati a disposizione di un allevatore/agricoltore per realizzarlo,( carne di agnello o montone, carote,cipolle,sedano e patate ), ma che nel tempo ha cambiato fisionomia per adeguarsi alle disponibilità anche cittadine.

Talvolta la mia personale versione (ricordate? marito vegetariano) prevede una grande varietà di vegetali e la completa assenza di carne. A voi la scelta, la ricetta base e il metodo non cambiano…

[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[

SHEPERD PIE    ( 4 )

500 gr carne a pezzettini (da 1 cm, per capirci) – 1 cipolla grande – 1 carota – 1 gambo sedano – 100 gr piselli – 200 gr funghi – 1 spicchio aglio – prezzemolo – mezzo bicchiere vino bianco – mezzo bicchiere acqua – 3 cucchiai olio – 100 gr burro – 4 patate grandi – mezzo bicchiere latte – sale e pepe

Bollite le patate e poi riducetele a purea utilizzando metà burro e il mezzo bicchiere di latte. Regolate di sale e pepe.

Pulite e tagliate a pezzettini le verdure. Mettete l’olio in una padella grande e fate rosolare le verdure (tranne i piselli) per qualche minuto. Unite poi la carne e fatela dorare bene, regolate di sale e pepe e poi bagnate con il vino bianco. Quando questo sarà evaporato, unite l’acqua e fate cuocere per una ventina di minuti finchè le verdure saranno tenere. Spegnete il fuoco e unite i piselli. Imburrate una teglia da forno che sarà anche bella da portare a tavola, mettetevi poi il composto di carne e verdure sul fondo e ricoprite con la purea di patate. Spezzettate il restante burro sulla superficie che avrete decorato con la forchetta e mettete in forno a 180 gradi per almeno 20 minuti o finchè il Pie non sarà bello dorato. Fate riposare prima di servire con prezzemolo tritato e – se possibile – con una buona birra inglese.

Annunci