Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Il titolo del quadro a sinistra è : “chi ama è sempre solo”. Alla osservazione di questo dipinto non riesco ad accoppiare altra musica che il secondo valzer di Shostakovich, che sempre mi trasmette una dolce malinconia ed una grande nostalgia…..

Così come i biscotti di mandorle e pistacchi sanno comunicarmi l’amore e la cura che la mamma sapeva infondere nelle merende quotidiane, tra un Napoleone e un teorema di Pitagora…..

çççççççççççççççççççççççççççççççççççççççççççççççççççç

BISCOTTI MANDORLE E PISTACCHI     ( circa 50 )

500 gr farina – 120 gr pistacchi salati di Bronte – 130 gr mandorle tostate e tritate – 200 gr zucchero – 3 tuorli e 1 uovo intero – 250 gr burro – 1 bustina lievito per dolci –   1 arancia e 1 limone – 1 cucchiaino cannella – un pizzico sale

Tritate mandorle e pistacchi. Setacciate la farina con il sale e il lievito, unitevi poi lo zucchero e la cannella e mescolate bene. Fate la fontana sul tavolo e mettete al centro il burro a pezzetti e lavorate il tutto per ottenere un composto sabbioso. Rifate la fontana e mettete al centro l’uovo intero e i 3 tuorli, aggiungete la scorza grattugiata fine del limone e dell’arancia e le mandorle e i pistacchi. Lavorate velocemente per ottenere una pasta liscia e fatela poi riposare in frigo per almeno 30 minuti avvolta in pellicola o carta forno ( la mamma usava un telo di lino).

Stendete poi la pasta, su una superficie infarinata, fino ad uno spessore di 4-5 mm e ritagliatela in cerchi o in rombi o in forme a voi gradite. Ponete i biscotti su una teglia foderata di carta forno e cuocete a 180 gradi per 12-15 minuti o finchè i biscotti saranno dorati. Raffreddateli su una gratella.Serviteli con una leggera spolverata di zucchero a velo………

Sono molto graditi come regalo……………….

Annunci