Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

New Orleans non è una città: è un concetto, un’astrazione del pensiero, una attesa mentale che si rivela essere come abbiamo immaginato. E’ colorata, allegra, piena di vita, solare e, soprattutto, musicale. Sì, lo so !… è un luogo comune quello di pensare al jazz e associarlo immediatamente alla Louisiana e a New Orleans, ma vi posso assicurare che la musica la si sente anche quando non c’è!!!… specie la notte, nel caldo afoso che ti costringe a tenere le finestre aperte se non hai il condizionatore, e da lontano giunge – tristissimo – il suono di una tromba o di un sax che racconta ancora una volta la vita e l’amore…

In tarda primavera è una città bellissima, ben organizzata e con la vocazione del turismo. E’ americana nella parte nuova e stile vecchia Francia (Europa) nella parte più antica.Negozietti che paiono disegnati da Stevenson, botteghe in cui ci si perde a scoprire un mondo diverso; strade e balconi che parlano di una maniera di vivere votata all’ottimismo. Ci si conoscono le persone più strane e bizzarre e si passeggia in viali che sembrano usciti da illustrazioni dell’impressionismo…Gente bellissima e colorata, sia dentro che fuori, con un sorriso caldo e una disponibilità non comune… sicuramente un’esperienza di viaggio e di conoscenza da non perdere!!!

Il buon, vecchio e fedele Mississippi si lascia ancora visitare a bordo delle river boats che, tra un’ansa e l’altra del grande fiume, ti fanno sognare di pionieri temerari e dame avventurose che sulle sue acque hanno creato o distrutto le proprie esistenze.

E poi succede anche di essere invitati ad un banchetto familiare dove si gusta la specialità del posto – il crawfish boil ( bollito di scampi) –  servito rigorosamente su fogli di giornale e da mangiare esclusivamente con le mani…..esperienza indescrivibile, per bontà e per simpatia !

Ricetta facilissima da fare anche con i gamberi : Aglio, olio e peperoncino poi unite le patate con la buccia, le mezze pannocchie di granturco e arance e limoni a metà, coprite di acqua. Fate cuocere per almeno mezz’ora regolando di sale e 5 minuti prima di spegnere unite i gamberoni (se usate gli scampi uniteli almeno 15 minuti prima di togliere dal fuoco).

A seguire, altra ricetta con gli scampi, ottima per le sere d’estate o per cene in piedi e buffet informali….. o per sentirvi in Louisiana, specie se mettete su un poco di jazz a fare da sottofondo!!!

@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

CREMA DI SCAMPI

500 gr code di scampi già pulite – 130 gr burro – 50 gr bacon o pancetta affumicata –   1 mazzetto di cipolline fresche – 230 gr Philadelphia (o mascarpone) – peperoncino –  1 pizzico zafferano –  1 baguette

Fate fondere il burro e unitevi poi la parte bianca delle cipolline tritata, il bacon a pezzetti e il peperoncino a seconda del vostro gusto. Fate cuocere per una decina di minuti e poi aggiungete le code di scampi ( o i gamberoni ) lasciando cuocere per altri 7-8 minuti. Unite ora lo zafferano e poi il formaggio philadelphia che dovrà sciogliersi del tutto. Tritate la parte verde delle cipolline e decorate la superficie della crema di scampi, che servirete con fettine di baguette tostate…

Molto diverso dal nostro (italiano) modo di consumare gli scampi, ma altrettanto buono anche se supercalorico…

Annunci